Breve premessa: prima di lasciarti continuare nella lettura dell’articolo ci tengo a precisare, per completezza, che quanto segue è un estratto del capitolo dedicato alla storia presente nella mia tesi di laurea magistrale (scarica l’abstract della mia tesi). Non voglio ora essere esaustivo ma, mi preme molto, vorrei cercare di “gettare” a voi alcuni stimoli per riflettere in merito a questa ultima generazione di FAD. Buona lettura…

Terza e quarta generazione di FAD

Nella descrizione delle generazioni precedenti si è fatto riferimento alla rete (in tal caso postale) e al passaggio dall’analogico al digitale, ed è qui che risiede l’inizio della terza generazione della FAD, con il ritorno della rete (ora divenuta internet) e l’arrivo dei dispositivi digitali e mobili.

Come intuibile, è l’arrivo dei personal computer ad aver fatto sì che la formazione premesse con decisione sull’acceleratore. Se guardassimo nel dettaglio le varie proposte tecnologiche a supporto della formazione, presenti nella terza generazione, vedremmo che, nonostante la loro composizione digitale, non portarono particolari innovazioni dal punto di vista dell’interattività e della possibilità di connessioni maggiori con altri pari. Certo, corsi CBT (Computer Base Training) erogati tramite floppy e cd-rom avevano già un buon livello di interattività, se ben costruiti, ma la potenzialità vera e propria è insita nella possibilità di far dialogare tra loro i vari computer, attraverso il web. Da qui la formazione ha cominciato a cambiare nettamente volto, non è avvenuto soltanto un cambio di strumenti a disposizione, ma anche di approcci educativi.

Hanno preso piede modalità di formazione a distanza volte a valorizzare la cooperazione e la condivisione dei contenuti, il tutto grazie al diffondersi di forum, blog e wiki[1].

Aggiungiamo inoltre, a titolo esemplificativo, in quanto un approfondimento specifico richiederebbe un testo dedicato, che un passaggio importante avvenuto nel nostro paese è contenuto all’interno del decreto ministeriale del 17 aprile 2003[2], sintetizzando: in tale decreto si da il via libera alla costituzione di università telematiche, abilitate a rilasciare titoli di studi acquisiti tramite le tecnologie della telematica ed aventi pari riconoscimenti rispetto a quelli tradizionali. Sull’onda di questa nuova aria di cambiamento, altro esempio, l’Università della Bocconi[3] diede vita a corsi MOOC, centrati sul rilancio del made in Italy nell’ambito Luxury e Fashion.

È proprio durante la terza generazione di FAD che prende piede il concetto di e-Learning, in chiusura di questo articolo vorrei pormi (e porvi) una domanda: siamo forse già entrati a piè pari nella quarta generazione della FAD?

Pare di sì. La diffusione di tablet, app, social e il continuo sviluppo di portali per la condivisione (che ora fanno dell’utente un soggetto attivo, come già ricordato, all’interno del web) dei propri contenuti e del proprio sapere, ha ulteriormente richiesto una revisione della storia della FAD. Non possiamo più accontentarci di parlare di tre generazioni, dobbiamo riconoscere che (proprio in virtù del fatto che la storia è legata al tempo, dunque non si può fermare o rallentare, richiede attenzione agli sviluppi che ne concorrono) siamo spettatori e protagonisti delloa crescita della quarta generazione, caratterizzata sì dalla rete e dai dispositivi portatili, ma soprattutto dal maggiore protagonismo degli utenti del web e, non ultima, dall’indossabilità dei dispositivi, indossabilità che ci obbliga a ripensare l’attuazione di differenti strategie didattiche.


[1] Con tale termine si fa riferimento a portali web nei quali, ogni utente iscritto, attraverso il proprio browser, può partecipare alla costruzione dei contenuti. Wikipedia n’è un esempio perfetto, per tale motivo porta questo nome.

[2] http://web.unitn.it/files/download/3973/DMIUR_17_aprile_2003.pdf (ultima visita 20/02/2017)

[3] Cos’è l’E-learning, la tecnologia per diffondere la formazione. Articolo reperibile al link: http://www.anee.it/e-learning-la-tecnologia-per-diffondere-la-formazione/